Site icon Alfredo Verdi Demma

Il vetro a ghiaccio

Manifattura di murano, vetro a ghiaccio ,seconda metà del secolo XVI, Milano

Fittamente percorso da screpolature che lo rendono simile al ghiaccio, questo tipo di vetro viene inventato a Venezia , ma la tecnica è utilizzata anche in altre vetrerie europee.

La produzione muranese di vetri soffiati è caratterizzata da oggetti interamente lavorati in fornaci, privi di decorazioni dipinte, nei quali viene valorizzata il  più possibile la materia trasparente e leggera che li compone. Il vetro ghiaccio è così chiamato per la sua somiglianza con il ghiaccio screpolato.

Questo effetto è ottenuto immergendo il pezzo semilavorato e ripassandolo poi in fornace: gli sbalzi di temperatura provocano le screpolature. L’effetto ghiacciato è dato  anche dai toni biancastri del vetro, che in questo modo si opacizza leggermente. Le forme adatte a questo materiale sono quelle più  semplici, ciotole, alzatine lisce e secchielli, che a vplte presentano essenziali decorazioni in vetro  acquamarina.

La tecnica veneziana del vetro a ghiaccio viene ripresa dagli artigiani spagnoli e francesi nel Seicento e nel 1850  nella vetreria inglese di Apsley Pellat, che però utilizza un sistema differente: l’oggetto ancora plastico viene fatto ruotare su una superficie refrattaria, ricoperta di frammenti di vetro in colore, e colorato; così le particelle si fondono nella massa vetrosa. Gli oggetti realizzati con questo sistema sono stati chiamati”vetri anglo-veneziani”

 

l

Exit mobile version