DIAGNOSTICA PER IMMAGINI

Indagini Diagnostiche

Per documentare l’esistenza e l’aspetto esteriore di un’Opera d’Arte, e più in generale del Bene Culturale, è necessaria l’acquisizione di immagini .

Al fine di identificare un oggetto di interesse Storico-Artistico e poter stilare una idonea Scheda Tecnica è fondamentale l’immagine fotografica  .

 

img_20170202_161538.jpgimg_20170202_162225.jpg


INDAGINI DIAGNOSTICHE

L’applicazione  di Analisi Diagnostiche è parte importante dello  studio dei Beni Culturali,  permettendo di acquisire  informazioni non visibili alla sola osservazione ad occhio nudo:

 

– pentimenti e correzioni

– ridipinture

– disegno preparatorio

– scritture e firme


DIAGNOSTICA PER IMMAGINI (non invasiva)

La Diagnostica per Immagini ha lo scopo di acquisire informazioni sulle Opere prese in esame tramite l’uso di strumenti che elaborano i dati delle immagini rilevate in forma digitale e/o analogica.

Il nostro Studio si occupa direttamente di Diagnostica per Immagini , valutando  tutte le possibili analisi di approfondimento.

– Macrofotografia

– Fotografia in luce radente

– Fotografia in transilluminazione

– Microscopia

– Fluorescenza indotta da radiazione UV

– Riflettografia infrarossa

– IR falso colore

– Radiografia X  (in convenzione con Laboratori Universitari)

 

wp-1486137225141.jpeg

 


Macrofotografia

La fotografia macro permette di osservare e documentare dettagli di tipo materico o figurativo di particolare interesse ai fini conservativi e/o di studio

 

IMG_20171203_212902.png


Fotografia in luce radente

La luce radente mette in evidenza le caratteristiche della superficie di un oggetto, come sollevamenti, distacchi, crettature, planarità del supporto, ecc.

IMGP9886 A

IMG_20170603_191355


Fotografia in transilluminazione

La transilluminazione si ottiene posizionando la sorgente di illuminazione sul retro di un oggetto e se il materiale permette il parziale passaggio della luce dall’altra parte si possono osservare eventuali tagli, fori o disomogeneità di spessore del supporto e/o del materiale soprastante.

IMG_20171203_211608.png


Microscopia

L’osservazione microscopica della superficie di un’opera d’arte consente di rilevare dettagli di tipo materico altrimenti non visibili senza l’ausilio di strumenti ottici di ingrandimento.

Ad esempio nel caso di un dipinto è possibile rilevare particolari relativi alla stesura del colore, alla presenza di crettature, ad eventuali ridipinture o cadute di materiale pittorico, ecc.


Fluorescenza indotta da radiazione UV

La fluorescenza indotta da radiazione ultravioletta è una metodologia diagnostica per immagine che sfrutta la capacità di alcune sostanze di emettere fluorescenza visibile se opportunamente irraggiati da una sorgente ultravioletta.

Le differenze di fluorescenza osservabili su un oggetto irraggiato da una lampada di Wood (UV) sono in funzione non solo della composizione chimica delle varie sostanze che costituiscono il materiale ma variano anche in base al tempo che è trascorso da quando questi materiali sono stati applicati.

Nel caso di un dipinto ad esempio la tecnica consente di distinguere zone aventi stesso colore in luce visibile ma composizione chimica differente ed eventuali ridipinture dalla pittura originale: i materiali meno antichi risultano infatti più scuri per l’assenza di fluorescenza.

IMG_20171203_211219.pngIMG_20171203_211313.png

 

 

 


La riflettografia infrarossa

La riflettografia infrarossa è una tecnica di indagine utile per lo studio di opere pittoriche.

Questa metodologia di analisi si basa sull’acquisizione di immagini generate dalla riflessione della radiazione elettromagnetica appartenente alla regione del vicino infrarosso da una superficie opportunamente illuminata.

Le immagini acquisite sono il risultato della radiazione infrarossa riflessa dalla superficie del dipinto che consentono la lettura degli strati sottostanti la pellicola pittorica, ove è possibile, in modo da mettere in evidenza il disegno preparatorio, dove presente, eventuali ripensamenti o firme nascoste, eventuali ritocchi e restauri successivi alla stesura del dipinto.

IMG_20171203_213054.pngIMG_20171203_213019.png

 

_DSC5048IMGP9759


ANALISI CHIMICO-FISICHE

(non invasive o microinvasive)

Le analisi chimico-fisiche hanno lo scopo di identificare chimicamente i materiali costituenti l’oggetto in esame ed eventuali prodotti di degrado.

Il nostro Studio pone la massima attenzione alla tutela e conservazione delle Opere. Consideriamo quindi prioritaria, ove possibile, la scelta delle indagini non invasive.

Le analisi micro invasive vengono svolte  all’interno di laboratori  Universitari .

 f67845_136498aa3d51426c8db185918398221b

ESEMPIO

Confronto tra lo spettro Raman di un campione prelevato da un dipinto (in alto) con quello di un campione noto (in basso).

Pigmenti identificati: Giallo di Piombo e Stagno tipo I, Bianco di Piombo.

 

wp-1486252568296.jpeg

 

wp-1486252496100.jpeg

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...